La Sfida Redistributiva

MILANO – La valutazione del recente passato ed il fare progetti per il futuro prossimo è un esercizio naturale di fine anno. Quando si parla di economia globale nel 2013 e nel 2014, questo esercizio diventa anche necessario.

L'anno scorso, il rischio sistemico è diminuito. L’Europa ha fatto squadra attorno alla necessità di stabilizzare la zona euro, con la Banca Centrale Europea e la Germania a giocare i ruoli principali. Si è completata la transizione della leadership in Cina e si è stabilita una direzione politica relativamente chiara, con un campo da gioco a più livelli per i settori privati e statali e un ruolo dei mercati in espansione – per non dire decisivo. Alle elezioni politiche, la Germania ha scelto la continuità, anche se sembra inevitabile un lungo periodo di crescita lenta e di disoccupazione elevata ed estesa.

Le economie emergenti (ad eccezione della Cina) sono state solo temporaneamente destabilizzate dalla previsione della stretta monetaria negli Stati Uniti. Si stanno, comunque, preparando per un mondo con un livello generale dei tassi di interesse più alto, contrassegnato da un rallentamento transitorio della crescita.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/WoXvVHH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.