Riavviare la Globalizzazione

DUBAI – La globalizzazione, come molti hanno notato di recente, è in ritirata. Nonostante tutti i suoi vantaggi innegabili, ha generato problemi di governance e di gestione che hanno rivelato l’inadeguatezza dei governi nazionali e delle istituzioni internazionali.

Ciò ha fatto si che le persone, ovunque nel mondo, sia ricche che povere, debbano affrontare i problemi – dal fallimento degli Stati a quello delle banche, dallo sfruttamento alla sotto-occupazione, dai cambiamenti climatici alla stagnazione economica – a cui la globalizzazione ha contribuito ma che non riesce ad affrontare efficacemente. Istituzioni fragili hanno dato luogo a ripercussioni politiche e al pericolo di disastri su molti fronti.

Mark Leonard, direttore del Consiglio Europeo per le Relazioni Estere e Vice Presidente del Consiglio per la nuova Agenda Globale sulla Geo-Economia del World Economic Forum, ha notato che l’interdipendenza, in precedenza un vantaggio sul piano economico, è ormai diventata anch'essa una minaccia. “Nessuno è disposto a perdere i vantaggi di un’economia globale”, ha scritto di recente, “ma tutte le grandi potenze stanno vominciando a rilfettere su come proteggersi dai suoi rischi, militari e non”. Infatti, “Dopo 25 anni di legami sempre più stretti, il mondo sembra intenzionato a separarsi di nuovo”.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/f6XFQk7/it;