Glasses on newspaper featuring markets and crossword.

Quando i mercati finanziari fraintendono la politica

CAMBRIDGE – Quando il partito turco per la giustizia e lo sviluppo (Akp) sfidò gli esperti e i sondaggisti riconquistando la maggioranza parlamentare nelle elezioni generali del paese il 1 novembre, i mercati finanziari ne furono allietati. Il giorno successivo, la borsa di Istanbul guadagnò oltre il 5% e la lira turca registrò un rialzo.

Poco importa quanto sia arduo trovare qualcuno nel mondo imprenditoriale o finanziario disposto a dire qualcosa di carino in questi giorni su Recep Tayyip Erdoğan o sull’Akp che ha guidato prima della sua ascesa alla presidenza nel 2014. Ma fate attenzione: sebbene si supponga che il presidente della Turchia sia sopra le parti, Erdoğan resta ben saldo al timone.

In effetti, è stata la strategia del divide et impera di Erdoğan – che alimenta il populismo religioso e il sentimento nazionalista e infiamma la tensione etnica con i curdi – a portare l’Akp alla vittoria. Probabilmente, questa era l’unica strategia che potesse funzionare. Dopo tutto, il suo regime ha allontanato i liberali con i suoi attacchi ai media; gli imprenditori con l’espropriazione delle aziende così da unirsi agli alleati di un tempo nel cosiddetto movimento Gülen; e l’Occidente con i toni di scontro e la posizione incoerente sullo Stato islamico.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/NEVB2fC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.