Le aziende della gente comune

LONDRA – Si sta verificando oggi un importante cambiamento in relazione a due grandi poteri. Da un lato il potere aziendale sta crescendo rispetto a quello dei governi, dall’altro le persone comuni stanno acquisendo una maggiore influenza. Ma cosa significa il fatto che questi due cambiamenti, apparentemente contraddittori, si stiano verificando nello stesso momento?

Oggi le aziende hanno, senza ombra di dubbio, un potere maggiore nelle loro mani. Persone non elette attraverso un voto popolare controllano sempre di più le nostre vite quotidiane, dall’intrattenimento alle risorse energetiche, dalle scuole alle ferrovie e ai servizi postali. Allo stesso tempo, la rapidità dell’innovazione tecnologica sta superando la tempistica dell’adeguamento normativo, il che significa che le attività aziendali entrano sempre più sistematicamente nelle cosiddette zone grigie prive di normative.

Ma a controbilanciare questa tendenza, ci sono ora strumenti ed opportunità che permettono alla gente di garantire che il comportamento delle aziende non sfugga ai controlli. Le persone sono infatti sempre più istruite e conoscono bene come operano le varie aziende, sono più proattive e direttamente esplicite nel caso in cui un’azienda superi i limiti posti. Il pubblico svolge quindi sempre più il ruolo di coscienza delle aziende e delle industrie, sollevando questioni difficili e pretendendo che le aziende stesse rispondano del loro operato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/2jYHnXQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.