La Russia e l’America agli Oscar

NEW YORK – Oscar ha parlato. Né Leviathan, il film russo nominato come miglior film straniero, né American Sniper, nominato per la miglior sceneggiatura, hanno vinto. Eppure entrambi, allo stesso modo, sono i film più rappresentativi dell’anno, dal momento che ciascuno cattura l’essenza del perché Russia e Stati Uniti ora sembrino destinati ad affrontare una nuova Guerra Fredda.

A seguito dell’invasione dell’Ucraina per mano della Russia, Leviathan ha dovuto affrontare una battaglia crescente sul fronte delle critiche. Ma il desolato ritratto di Leviathan della vita moderna russa di fatto conferma molte delle ragioni per cui gli americani hanno avuto grandi dubbi sulla capacità della Russia di riformarsi dopo il crollo del comunismo.

Questo dubbio si è riflesso nella cultura popolare. Dal 1991 Hollywood documenta la sfiducia dell’America nella Russia post-sovietica in una serie di film – ad esempio, Il santo, Airforce One, La bussola d’oro del 2006, Salt e The November Man. La criminosa politica estera del presidente russo Vladimir Putin ha dato ragione a questi russofobi, quindi candidare Leviathan, la superba biopsia del suo regime, sembrava assolutamente giusto.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/pknTnUu/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.