Flickr

La non soluzione del 4%

PARIGI – Da qualche tempo, ormai, aleggia la preoccupazione che i banchieri centrali abbiano "esaurito le cartucce" a disposizione. Dopo aver abbassato i tassi fino a sfiorare lo zero, infatti, hanno proposto misure sempre più stravaganti, come il "quantitative easing" e la "forward guidance". Vista la nebbia in cui si è ritrovata immersa l'attività economica reale per via della crisi finanziaria, è difficile stabilire in maniera conclusiva se tali riforme siano state efficaci o meno. È chiaro, però, che deve esserci un modo migliore per fare le cose.

Non c'è più ragione di lasciare che il vincolo "zero bound" sui tassi d'interesse nominali continui a ostacolare la politica monetaria. Una soluzione semplice ed elegante può essere quella di passare gradualmente al denaro elettronico, grazie al quale poter pagare gli interessi positivi e negativi con un semplice click. E visto che la moneta cartacea – in particolare le banconote di grosso taglio – è forse più un male che un bene, la modernizzazione valutaria avrebbe dovuto realizzarsi già da tempo. Utilizzando una moneta elettronica, le banche centrali potrebbero continuare a stabilizzare l'inflazione esattamente come fanno adesso. (Willem Buiter, capo economista di Citigroup, ha suggerito diversi modi per aggirare i limiti della cartamoneta, ma eliminarla resta la soluzione più facile.)

Una seconda idea, meno elegante, è che le banche centrali portino il tasso programmato di inflazione dall'odierno 2%, considerato la norma, a un valore superiore, ma pur sempre contenuto, pari al 4%. L'idea di aumentare in modo permanente gli obiettivi di inflazione al 4% è stata espressa per la prima volta in un documento interessante e illuminante firmato da Olivier Blanchard, capo economista del FMI, ed è stata appoggiata da altri studiosi, tra cui, più di recente, Paul Krugman. Purtroppo, forse il problema più insormontabile è attuare una transizione verso il nuovo obiettivo che sia tanto graduale quanto convincente.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/PcmTEJz/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.