Il fallimento dell'austerità

NEW YORK – “Se i fatti non corrispondono alla teoria, allora cambiate la teoria", recita un vecchio adagio. Troppo spesso, però, è più semplice mantenere la teoria invariata e cambiare i fatti – o almeno così sembrano pensare il cancelliere tedesco Angela Merkel e altri leader europei favorevoli all'austerità. Anche se i fatti parlano chiaro, loro continuano a negare la realtà che hanno davanti agli occhi.

L'austerità non ha sortito l'effetto sperato, ma i suoi difensori si ostinano ad affermare il contrario adducendo argomentazioni piuttosto deboli: visto che l'economia ha smesso di precipitare, l'austerità funziona! Ragionando così, però, si potrebbe dire che buttarsi da un dirupo è il modo migliore per scendere da una montagna – dopo tutto, in un modo o nell'altro si arriva alla fine.

Ma qualunque crisi prima o poi arriva alla fine. Il grado di successo non andrebbe misurato dal fatto che dopo una crisi c'è una ripresa, bensì dalla rapidità con cui essa prende piede e dalla portata del danno causato dalla recessione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Y25UGxl/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.