La trappola dei sussidi

CAMBRIDGE – Alcune politiche fanno bene all’economia, altre no, come i sussidi per i generi alimentari e l’energia. La questione legata ai sussidi inaccessibili è ora cruciale per tre dei più importanti nuovi leader del mondo: il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi, il presidente eletto indonesiano Joko “Jokowi” Widodo e il primo ministro indiano Narendra Modi.

Sisi sta affrontando la necessità di tagliare i sussidi meglio di quanto potesse aspettarsi. Modi, invece, sta facendo peggio del previsto – silurando persino l’attesissimo accordo con la Word Trade Organization. Per quanto riguarda Jokowi, è troppo presto per dirlo.

A luglio, Sisi ha realizzato quello che hanno fatto anche altri leader nel Nord Africa o nel Medio Oriente: ha tagliato drasticamente i perduranti sussidi sul carburante e ha consentito un aumento dei prezzi del 41-78%. A sorpresa, le proteste sono state poche.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/4fuVTM1/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.