Vit Hassan/Flickr

Perché Bill Gates si sbaglia

NEW YORK – Nella sua recensione del libro di Nina Munk, pieno di errori e ormai datato, Bill Gates abbandona curiosamente il rigoroso approccio di misurazione e valutazione che definisce l’inestimabile lavoro della sua fondazione. Accetta semplicemente quanto afferma Munk, ossia che il Millennium Villages Project – un progetto di sviluppo tuttora in corso in oltre 20 Paesi africani – avrebbe fallito. E invece sta fiorendo.

Questa credulità è sconcertante. Il libro di Munk copre solo una minuscola parte della prima metà di un progetto decennale, e solo due dei 12 villaggi. E Munk non ha mai “vissuto per periodi prolungati nei Millennium Villages”. Ha trascorso in media circa sei giorni l’anno – ossia 36 giorni in sei anni – a visitare i villaggi, e solitamente per 2-3 giorni di seguito. Inoltre, è arrivata a questa storia come reporter per la rivista Vanity Fair, senza alcuna formazione o esperienza nel campo della sanità pubblica, dell’agronomia, dell’economia o dello sviluppo africano.

E cosa peggiore: le osservazioni di Munk sembrano spesso essere state a dir poco ingigantite per creare un effetto narrativo. Veramente Bill Gates crede che io abbia sostenuto specifiche colture senza preoccuparmi se vi fosse un mercato, o che non abbia considerato la tassazione nazionale nella mia costante consulenza ai leader di governo? Le strategie e le scelte agricole fatte nell’ambito dell’MVP sono state guidate dagli agronomi africani, alcuni tra i migliori dell’Africa – spesso lavorando fianco a fianco proprio con lo staff agrario di Bill nella Alliance for a Green Revolution in Africa (AGRA).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/ZaXpttZ/it;