Come risolvere il problema della credibilità dell’Europa

PARIGI – Mentre l’eurozona discute su come uscire dalla trappola della stagnazione in cui è caduta, un’altra questione è diventata sempre più importante: i governi sono o meno in grado di impegnarsi in modo credibile a ridurre la spessa pubblica evitando di fare tagli immediati? Per fortuna la risposta è un sì con riserva; ci sono infatti diversi modi per garantire che all’attuale adeguamento fiscale segua poi un consolidamento.

La crescita e l’inflazione nell’eurozona sono ancora tuttavia troppo deboli. Le ultime previsioni della Banca Centrale Europea sono decisamente cupe ed il Presidente della BCE Mario Draghi non ha nascosto il fatto che il contesto attuale potrebbe accentuare i rischi di una flessione. Quest’anno la crescita nominale del PIL (ovvero crescita reale più inflazione) non riuscirà ad andare oltre l’1,5% e potrebbe finire per avvicinarsi pericolosamente all’1%.

Anche se la politica monetaria è stata finora di aiuto, sta comunque raggiungendo il limite e l’iniziativa della BCE di stimolare il credito concedendo prestiti alle banche commerciali in termini molto economici non è stata efficace quanto sperato. I bond statali AAA a dieci anni rendono al momento l’1% circa, il che indica che i mercati non si aspettano un forte effetto boomerang.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/S1l8kZy/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.