Il Problema dell’Inflazione Reale in Europa

PARIGI – Nel 2002, dopo aver detto che “la deflazione negli Stati Uniti sarebbe stata altamente improbabile”, il presidente uscente della Federal Reserve Ben Bernanke come è noto ebbe a rimarcare che sarebbe stato imprudente “se avesse escluso del tutto una sua eventualità”. Al tempo, l’inflazione annuale degli Stati Uniti superava il 2%, ed il rischio di diventare negativa era davvero remoto; ma tuttavia Bernanke sentiva la necessità di tracciare una via di fuga da uno scenario potenzialmente catastrofico. La risposta rilasciata era essenzialmente un’anticipazione delle politiche attuate dalla Fed all’indomani dello shock del 2008.

Oggi, per la zona euro, la minaccia non è remota. Secondo i dati più recenti, l’inflazione dei prezzi al consumo annuale è di appena lo 0.9 % (e dell’1% se sono esclusi i prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari volatili). Si tratta di un punto percentuale al di sotto dell’obiettivo della Banca Centrale Europea di un tasso “inferiore, ma prossimo al 2%”. Con l’economia che opera chiaramente al di sotto della piena capacità e la disoccupazione sopra il 12%, il rischio di un ulteriore declino non può essere escluso, soprattutto considerando la pressione verso il basso di un tasso di cambio in graduale crescita, e un contesto globale con inattesi andamenti negativi di sviluppo ed i modesti prezzi delle materie prime. Quindi è ora di riconoscere l’esistenza di un “pericolo deflazione” per l’Europa e considerare ciò che principalmente si potrebbe fare per impedirla.

Il primo problema con la deflazione è che tende ad aumentare il tasso d’interesse reale (al netto dell’inflazione) al di sopra del suo livello di equilibrio. Poiché vi è un limite inferiore pari a zero per il tasso di interesse nominale, la banca centrale potrebbe trovarsi nell’impossibilità di guidare il differenziale del tasso di interesse/inflazione ad un livello abbastanza basso, il che può provocare un crollo e anche una spirale verso il basso. È vero, alcune banche centrali (Svezia nel 2009 e Danimarca nel 2012) hanno fatto pagare alle banche l’assunzione di depositi, facendo registrare così tassi di interesse negativi. Ma ci sono dei limiti a tali tattiche, perché se vengono caricati i depositanti, a un certo punto diventa preferibile per loro acquistare cassette di sicurezza e depositarvi il denaro contante.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/tmGixmq/it;
  1. Chris J Ratcliffe/Getty Images

    The Brexit Surrender

    European Union leaders meeting in Brussels have given the go-ahead to talks with Britain on post-Brexit trade relations. But, as European Council President Donald Tusk has said, the most difficult challenge – forging a workable deal that secures broad political support on both sides – still lies ahead.

  2. The Great US Tax Debate

    ROBERT J. BARRO vs. JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS on the impact of the GOP tax  overhaul.


    • Congressional Republicans are finalizing a tax-reform package that will reshape the business environment by lowering the corporate-tax rate and overhauling deductions. 

    • But will the plan's far-reaching changes provide the boost to investment and growth that its backers promise?


    ROBERT J. BARRO | How US Corporate Tax Reform Will Boost Growth

    JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS | Robert Barro's Tax Reform Advocacy: A Response

  3. Murdoch's Last Stand?

    Rupert Murdoch’s sale of 21st Century Fox’s entertainment assets to Disney for $66 billion may mark the end of the media mogul’s career, which will long be remembered for its corrosive effect on democratic discourse on both sides of the Atlantic. 

    From enabling the rise of Donald Trump to hacking the telephone of a murdered British schoolgirl, Murdoch’s media empire has staked its success on stoking populist rage.

  4. Bank of England Leon Neal/Getty Images

    The Dangerous Delusion of Price Stability

    Since the hyperinflation of the 1970s, which central banks were right to combat by whatever means necessary, maintaining positive but low inflation has become a monetary-policy obsession. But, because the world economy has changed dramatically since then, central bankers have started to miss the monetary-policy forest for the trees.

  5. Harvard’s Jeffrey Frankel Measures the GOP’s Tax Plan

    Jeffrey Frankel, a professor at Harvard University’s Kennedy School of Government and a former member of President Bill Clinton’s Council of Economic Advisers, outlines the five criteria he uses to judge the efficacy of tax reform efforts. And in his view, the US Republicans’ most recent offering fails miserably.

  6. A box containing viles of human embryonic Stem Cell cultures Sandy Huffaker/Getty Images

    The Holy Grail of Genetic Engineering

    CRISPR-Cas – a gene-editing technique that is far more precise and efficient than any that has come before it – is poised to change the world. But ensuring that those changes are positive – helping to fight tumors and mosquito-borne illnesses, for example – will require scientists to apply the utmost caution.

  7. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now