La Maggiore Depressione

BERKELEY – Dapprima, la si è chiamata crisi finanziaria del 2007. In seguito è diventata la crisi finanziaria del 2008. Poi è stata la recessione del 2008-2009. Infine, a metà del 2009, è stata soprannominata la “Grande Recessione”. E, alla fine del 2009, con lo spostamento del ciclo economico su una traiettoria al rialzo, il mondo ha tirato un sospiro di sollievo. Non vorremmo, si pensava, passare all’etichetta successiva, che inevitabilmente conterrebbe la temuta parola che comincia per D.

Ma il senso di sollievo è stato prematuro. Contrariamente alle affermazioni dei politici e dei loro consulenti esperti, che l’ “estate del recupero” era arrivata, gli Stati Uniti non hanno sperimentato un modello di ripresa rapida (a forma di V), come avvenuto dopo le recessioni alla fine degli anni settanta e all’inizio degli ottanta. E l’economia statunitense è rimasta ben al di sotto del suo precedente trend di crescita.

Infatti, dal 2005 al 2007, il PIL reale (al netto dell’inflazione) degli Stati Uniti è cresciuto poco più del 3% annuo. Durante la recessione del 2009, la cifra era inferiore all’11% - e da allora è sceso di un ulteriore 5%.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Hcj7i5h/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.