Gli Stati Uniti e la “sindrome da fine impero”

BERKELEY – Un vago senso di declino si è impadronito ultimamente degli Stati Uniti. La proiezione imperiale eccessiva, la polarizzazione politica ed una costosa crisi finanziaria gravano sull'economia. Alcuni intellettuali si preoccupano adesso che l'America sia sul punto di soccombere a quella che può essere definita come la “sindrome da fine impero”.

Minacciati da un rallentamento duraturo della crescita, gli Stati Uniti di oggi, così come la Gran Bretagna uscita stremata dalla Seconda Guerra Mondiale, saranno forzati a ridurre i loro impegni internazionali. Questo lascerà spazio a potenze emergenti come la Cina ed esporrà il mondo ad un periodo di elevata instabilità geopolitica.

Per analizzare queste dinamiche, è importante comprendere la natura della sindrome da fine impero vissuta dalla Gran Bretagna. Il problema non fu semplicemente che Stati Uniti e Germania crebbero più rapidamente della Gran Bretagna dal 1870 in poi. Dopotutto, è naturale che paesi che accedono allo sviluppo più tardi crescano molto rapidamente, come è il caso della Cina di oggi. Il vero problema fu l'incapacità della Gran Bretagna, verso la fine del diciannovesimo secolo, di fare in modo che la propria economia avanzasse.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/HldgqwC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.