Hipster with mobile phone.

L’inesorabile logica della sharing economy

MILANO – Quando fu fondata Amazon nel 1994 ed eBay l’anno seguente, l’idea era quella di sfruttare appieno la connettività di Internet per creare mercati nuovi e più efficienti. All’inizio voleva dire nuove modalità per acquistare e vendere libri e altri articoli da collezionare; ma ora l’e-commerce è ovunque e offre ai consumatori oggetti nuovi e usati – diventando una forza globale sul fronte della logistica e della vendita al dettaglio. Allo stesso modo, le aziende di sharing-economy oggi sono appena agli albori, ma un giorno i loro servizi saranno molto diffusi.

Per il momento, la maggior parte delle persone ha sentito parlare di Airbnb, il servizio online per affittare stanze e appartamenti. La società conta poco più di 600 dipendenti ma un milione di unità disponibili per l’affitto, rendendola più vasta delle più grandi catene di hotel del mondo. È ovvio che quanto offerto da Airbnb è diverso da ciò che viene fornito dagli hotel; ma se Airbnb offrisse opzioni come i servizi di pulizia o i pasti, potrebbe farlo diventare un concorrente più vicino di quanto si possa inizialmente immaginare.

L’intuizione (ovviamente a posteriori) alla base del modello di Airbnb – e la fiorente sharing-economy in generale – è che il mondo è pieno di attività e risorse sotto-utilizzate. Quanto tempo trascorriamo effettivamente utilizzando gli oggetti che possediamo – che siano auto, biciclette, appartamenti, case vacanza, strumenti o yacht? Quale valore generano di notte gli uffici o le aule scolastiche?

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/CvfmDyx/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.