Bartosz Hadyniak/Getty Images

Per l’India è il momento di volare più in alto

WASHINGTON, DC – Immaginate di essere un genitore con molti figli e poche risorse a disposizione. Il figlio maggiore è abbastanza maturo per andare via di casa ma non vuole farlo, e nel restare consuma risorse di cui i fratelli avrebbero un disperato bisogno. È giusto permettere che gli altri figli soffrano perché il più grande non vuole rendersi indipendente?

Una dinamica simile si è instaurata tra la Banca mondiale e i destinatari del programma dell’Associazione internazionale per lo sviluppo, istituto che fa capo alla Banca. L’Associazione sostiene una crescita equa nei paesi poveri erogando prestiti a basso tasso d’interesse e a lungo termine, e finanziamenti ai governi nazionali. Il programma assiste 77 tra i più paesi poveri del mondo, metà dei quali si trova in Africa. Esso, inoltre, fornisce supporto a un paese che non avrebbe più diritto di riceverlo, cioè l’India.

Alla fine dell’anno fiscale 2014, l’India si è ufficialmente affrancata dagli aiuti forniti dal programma dell’Associazione poiché non ha più i requisiti di povertà richiesti. La Banca mondiale stabilisce una soglia per l’assistenza, che si basa sul reddito nazionale lordo pro capite (RNL). Per l’anno fiscale 2016 tale soglia è di 1.215 dollari pro capite. Dal 2010 l’RNL pro capite dell’India ha superato ogni anno il limite fissato dalla Banca mondiale, e nel 2014 ammontava a 1.570 dollari.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/k4PuYjo/it;