Una crescita più rapida attraverso una regolamentazione più forte

WASHINGTON, DC – Quando il primo ministro indiano, Narendra Modi, era in campagna elettorale, fece la promessa di migliorare il modo in cui governare il Paese. E si impegna in tal senso sin dal suo insediamento a maggio. Recentemente, ha dichiarato di voler incentivare la posizione dell’India nell’indagine “Doing Business” della Banca mondiale, che valuta il contesto normativo in 189 Paesi. L’obiettivo di Modi è di far salire l’India nella top 50 – un’ambizione coraggiosa data l’attuale 142a posizione del Paese.

Tagliare le lungaggini burocratiche potrebbe aiutare a favorire una cultura di imprenditorialità e dinamismo. Ma sarebbe altrettanto importante mettere in atto un’effettiva infrastruttura normativa ed attuativa, soprattutto nelle aree in cui i consumatori difficilmente riescono a comprendere il valore dei prodotti e i rischi da essi posti.

In tutti i Paesi – ma soprattutto nelle economie in via di sviluppo – un solido sistema normativo è cruciale per creare fiducia nel mercato. I consumatori devono sapere che il cibo che mangiano, le auto che guidano e le medicine che prendono sono sicure. La fiducia nei prodotti locali incentiva i consumi domestici e rende le esportazioni più allettanti nei mercati esteri.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wWmvPuh/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.