Conference room in Berlin, Germany

Attuare la politica estera

NEW YORK – Il regista Woody Allen viene spesso citato per la frase “esserci vuol dire aver già fatto l’80% del lavoro”. Sulla percentuale si può essere più o meno d’accordo, ma il concetto espresso da Allen è senza dubbio importante: bisogna mettersi in gioco, partecipare attivamente, per avere qualche possibilità di realizzare i propri obiettivi.   

Lo stesso vale per le vicende globali. Se esserci è l’80% del lavoro, almeno l’80% della politica estera dovrebbe consistere nell’attuare quanto viene teorizzato. Progetti brillanti, ottime intenzioni e grandi capacità negoziali sono fondamentali, ma da soli non bastano mai, neanche lontanamente. Come per gli affari, l’istruzione e molti altri aspetti della vita, ciò che rende efficace, o meno, la politica estera riguarda la sua esecuzione.   

Questa osservazione verrà messa alla prova più di una volta nel 2016 e negli anni a seguire. Una prima occasione è offerta dalla Trans-Pacific Partnership (TPP), l’accordo commerciale firmato a ottobre da dodici paesi dell’area del Pacifico in Asia e nelle Americhe. Se entrerà in vigore, l’accordo amplierà gli orizzonti del commercio mondiale, stimolerà la crescita economica e rafforzerà i legami tra gli Stati Uniti e alcuni alleati regionali che altrimenti potrebbero cedere alla tentazione di avvicinarsi alla Cina.   

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/yh8EROo/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.