Margaret Scott

È il Momento di Passare all’Azione in Medio Oriente

LONDRA – L'annuncio, a seguito dell'uso di armi chimiche in Siria, di un vertice di emergenza, che avrà luogo questa settimana in Giordania, dei leader militari di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Canada, Turchia, Arabia Saudita e Qatar è uno sviluppo positivo. La politica occidentale è a un bivio: parole o azioni; plasmare gli eventi o reagire ad essi.

Dopo le lunghe e dolorose campagne in Iraq e Afghanistan, capisco ogni impulso di stare alla larga delle turbolenze, di guardare ma non intervenire, di alzare i toni ma non cominciare il duro, anche aspro impegno di cambiare la realtà sul terreno. Ma dobbiamo capire le conseguenze di starsene con le mani in mano, invece di farle lavorare.

Le persone trasaliscono al pensiero di un intervento. Ma contemplate le future conseguenze dell'inazione e rabbrividite: la Siria, impantanata nella carneficina tra la brutalità di Bashar al-Assad ed i vari affiliati di Al Qaeda, un terreno di coltura dell'estremismo infinitamente più pericoloso dell'Afghanistan nel 1990; l’Egitto nel caos, con l'Occidente, per quanto sia sbagliato, che sembra stia dando soccorso a coloro che vorrebbero trasformarlo in una versione sunnita dell'Iran; e lo stesso Iran, nonostante abbia un nuovo presidente, ancora una dittatura teocratica, con una bomba nucleare. L'Occidente apparirebbe confuso, i suoi alleati costernati, ed i suoi nemici prenderebbero forza. Questo è uno scenario da incubo, ma non è inverosimile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/SsyGV2L/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.