Il vantaggio economico dell’uscita della Grecia dall’Eurozona

TILTON – La prima frase del Trattato di Roma del 1957 – il documento di fondazione di quella che sarebbe poi diventata l’Unione Europea – richiama “una unione stretta tra i cittadini europei”. Tuttavia, di recente, questo ideale è stato minacciato, danneggiato dalla sua stessa classe politica, che ha adottato una moneta comune, ignorando del tutto le crepe che c’erano alla base.

Oggi, quelle fratture sono state mostrate – e ingigantite – dalla crisi della Grecia apparentemente infinita. E da nessuna parte sono così evidenti se non nella relazione della Grecia con il Fondo Monetario Internazionale.

Quando nel 2010 è scoppiata la crisi dell’euro, i funzionari europei si sono resi conto che non disponevano della competenza necessaria per gestire la minaccia di insolvenza sovrana e l’eventuale disgregazione dell’unione monetaria. Per i funzionari dell’Ue, evitare il collasso dell’Eurozona divenne il principale imperativo politico, così si sono rivolti all’Fmi per chiedere aiuto. Le irregolarità del conseguente intervento del Fondo testimoniamo quanto erano seri i problemi dell’Eurozona – e quanto seri continuano a essere.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/OBSmbXq/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.