Engineer India rickshaw mechanic fix Brandon/Flickr

Riorganizzare la Pubblica Amministrazione

PARIGI – Dallo scoppio della crisi finanziaria, nel 2008, i governi dei paesi avanzati hanno subito notevoli pressioni. In molti paesi, le entrate fiscali sono crollate bruscamente quando l’economia si è contratta, il reddito è diminuito, e le transazioni immobiliari si sono arrestate. La caduta delle entrate fiscali è stata in molti casi improvvisa, profonda, e duratura. I governi non hanno avuto altra scelta che aumentare le tasse o adattarsi ai tempi magri.

In alcuni paesi, la magnitudo della scossa è stata tale che anche un aumento ingente delle tasse non è riuscito a colmare il divario. In Spagna, nonostante che dal 2010 vi siano stati aumenti fiscali per un valore maggiore del 4% del PIL, il rapporto tra pressione fiscale e PIL è stato solo del 38% nel 2014, rispetto al 41% del 2007. In Grecia, nel corso del stesso periodo, l’aumento delle tasse è arrivato al 13% del PIL, ma il rapporto fiscale si è incrementato solamente di sei punti percentuali. Altrove, i limiti politici ad aumenti delle tasse sono stati raggiunti prima che si potesse colmare il gap. Volenti o nolenti, la priorità è costituita dai tagli di spesa.

La disillusione riguardo alla crescita futura accresce la tensione. Nel corso degli ultimi anni, la produttività è stata generalmente debole, e questo suggerisce che la crescita nei prossimi anni potrebbe essere più lenta del previsto. L’aumento del gettito si presenta, dunque, insufficiente a soddisfare l’impennata della spesa pubblica legata all’invecchiamento della popolazione per quanto riguarda sanità e pensioni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/LEx5wem/it;