La globalizzazione avanza

LONDRA – In un recente simposio organizzato dal Financial Times sulle prospettive della globalizzazione per il 2011, l’editorialista Gideon Rachman ha osservato che “durante la sua ultima visita in India, Barack Obama ha annunciato alla nazione ospitante la riapertura in occidente del dibattito  sulla globalizzazione” e “l’aumento crescente di una forte reazione negativa tra le economie avanzate.”

Ma l’allarmismo di Rachman è mal riposto. La paura della globalizzazione in occidente non è una novità. E’ da più di un quarto di secolo che intellettuali, sindacati e organizzazioni ambientali delle economie avanzate esprimono paure e sentimenti anti-globalizzazione.

Storicamente la paura della   globalizzazione è tuttavia iniziata in oriente non in occidente. Dopo la Seconda Guerra Mondiale l’occidente ha eliminato qualsiasi barriera ai flussi commerciali e di investimento lavorando duro al fine di eliminare i controlli di scambio e passare alla convertibilità della valuta. Ciò che veniva talvolta definito l’ordine economico liberale a livello internazionale rappresentava l’ordine del giorno, ed era condiviso anche dall’opinione pubblica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/k35rFDR/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.