Skyscraper windows and city in reflection

Alla ricerca di strategie pro-crescita

MILANO – Nel 2008 la Commissione per la Crescita e lo Sviluppo, che ho avuto il privilegio di presiedere, ha prodotto un report sulle più recenti conoscenze in fatto di modelli di crescita sostenibile. Allora, come ora, una cosa è chiara: le politiche che sono alla base di pluridecenni di elevata crescita, trasformazione strutturale, occupazione e redditi crescenti e ridotti livelli di povertà si rafforzano reciprocamente. L’impatto di ciascuna è amplificato dalle altre. Sono gli ingredienti di ricette che funzionano, e come con le ricette, se manca qualcosa il risultato può cambiare.

Per comprendere i modelli crescita deboli, deteriorati e fragili cui assistiamo oggi in molti Paesi e nell’economia globale nel suo insieme, bisognerebbe fare un confronto tra ciò che sta effettivamente accadendo e quali siano le strategie di crescita ragionevolmente esaustive. Ovviamente, ci sono molte politiche che sostengono una crescita elevata, e per certi versi sono specifiche per Paese. Ma alcuni ingredienti sono comuni al successo di alcuni casi ben noti.

Il primo riguarda gli elevati livelli di investimenti pubblici e privati. Nei Paesi in via di sviluppo di successo, gli investimenti sono pari o superiori al 30% del Pil. La componente del settore pubblico (infrastrutture, capitale umano, conoscenze dell’economia e base tecnologica) rientra nel range 5-7%. E gli investimenti del settore pubblico e privato sono complementari: i primi alzano il tasso di rendimento dei secondi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/Clr5lED/it;