C’è corruzione e corruzione

NEW YORK – Sono appena tornato dall'India, nel cui Parlamento ho tenuto una conferenza, esattamente nella stessa sala in cui Barack Obama, il Presidente degli Stati Uniti, ha parlato di recente. Il Paese era scosso da uno scandalo. A livello ministeriale, una truffa enorme nel settore della telefonia mobile ha dirottato diversi miliardi di dollari sui conti personali di un politico corrotto.

Allo stesso tempo, molti parlamentari sono stati colti di sorpresa dalla scoperta che, durante il suo discorso, Obama si era servito di un suggeritore “invisibile”, dando così l'impressione al suo uditorio di stare parlando a braccio, una capacità molto apprezzata in India.

Entrambi gli episodi sono stati percepiti come una forma di corruzione: il primo legato ai soldi, il secondo all'inganno. Le due trasgressioni non si pongono chiaramente sullo stesso piano in termini di riprovazione morale, ma l'episodio di Obama sottolinea un'interessante differenza tra le culture nella definizione di quanto è corrotta una società.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/ZesDOO5/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.