MP Panagiotis Lafazanis and Yanis Varoufakis MP Panagiotis Lafazanis and Yanis Varoufakis/George Panagakis/ZumaPress

Un nuovo approccio al debito sovrano dell’Eurozona

ATENE – Il debito pubblico della Grecia è stato reinserito nell’agenda dell’Europa. É stato forse il principale obiettivo del governo greco durante i cinque mesi di agonizzante distanza presa dai creditori. Dopo anni di “estensioni e pretese”, oggi sono quasi tutti d’accordo sulla necessità della ristrutturazione del debito. E la cosa più importante è che vale non solo per la Grecia.

In febbraio, ho presentato all’Eurogruppo (che riunisce i ministri delle finanze degli Stati membri dell’Eurozona) una lista di opzioni, inclusi i bond indicizzati al Pil, come proponeva recentemente Charles Goodhart nel Financial Times, obbligazioni perpetue per estinguere il debito contratto sui registri della Banca centrale europea e così via. La speranza è che ora ci sia il terreno adatto per far radicare tali proposte, prima che la Grecia sprofondi ulteriormente nelle sabbie mobili dell’insolvenza.

Ma la domanda più interessante è cosa significa tutto ciò per l’Eurozona nel suo insieme. I preziosi appelli di Joseph Stiglitz, Jeffrey Sachs e di molti altri economisti per un diverso approccio generale al debito sovrano devono essere modificati per adattarsi alle specifiche caratteristiche della crisi dell’Eurozona.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/Ef9ogIR/it;