L’unità dell’Europa è fondamentale

BRUXELLES – Negli ultimi dieci anni l’Unione europea ha subito una serie di crisi senza precedenti con delle caratteristiche che sarà difficile rivedere. Ma ci sono delle nuove sfide non meno cupe in arrivo e faremmo meglio a tener ben presente le lezioni imparate finora.

Una delle lezioni è che l’unità non è un’opzione, ma una condizione sine qua non per la prosperità economica e l’importanza politica dell’UE. E’ notevole che dal 2004, ovvero quando sono diventato Presidente della Commissione europea, le adesioni all’UE siano quasi raddoppiate passando da 15 a 28 paesi.

Non c’è stato alcun abbandono, anzi, dal 2004 al 2014 sia l’UE che l’eurozona si sono espanse, e, cosa ancor più importante, abbiamo fatto in modo che l’Europa rimanesse unita.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/G9oxGXv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.