La soluzione del 4% per l’Europa

WASHINGTON – Questa è un’estate estremamente importante per l’Europa. Nonostante i passi rilevanti verso un’unione bancaria e una ricapitalizzazione diretta delle banche spagnole compiuti nell’incontro di giugno dei leader dell’eurozona, sia l’eurozona che l’Unione europea rischiano infatti il disfacimento. Non solo l’implementazione delle riforme proposte è in ritardo, ma ci potrebbero inoltre essere delle contrarietà da parte della Germania rispetto al Meccanismo di Stabilità europeo. Inoltre, sembra che sia i Paesi Bassi che la Finlandia stiano rivedendo le proprie posizioni su alcune parti dell’accordo.

Anche nel peggior scenario possibile, una qualche forma di cooperazione intra-europea continuerà sicuramente ad esistere. Ma è difficile immaginare come l’UE che conosciamo oggi possa superare una disintegrazione anche solo parziale dell’eurozona.

Chi sostiene che uno o più paesi della periferia dell’eurozona dovrebbe prendersi una “vacanza” dall’euro, sottovaluta le ripercussioni sia economiche che politiche di un simile passo. Il senso di fallimento, la perdita di fiducia e il danno inflitto su così tanti paesi, qualora anche solo uno o due di essi dovessero abbandonare l’euro, avrebbero un enorme impatto su tutta l’Unione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/ofbIV3V/it;