d933320246f86fe011f44a04_pa3708c.jpg

Europa ancora divisa?

NEW YORK – La cosiddetta crisi dell’euro non deve essere considerata esclusivamente una crisi monetaria, perché implica altresì una crisi del debito sovrano e soprattutto una crisi bancaria. La complessità della situazione ha creato confusione, che a sua volta ha generato un terremoto politico.

In effetti, oltre alla crisi economica e finanziaria, l’Europa si trova di fronte a una crisi politica. I vari stati membri hanno messo in atto politiche divergenti, che riflettono più che altro singole visioni e non reali interessi nazionali – una discordanza che rischia di sfociare in un grave conflitto politico.

La soluzione che l’Europa sta per mettere in campo è, di fatto, un dictat della Germania, i cui finanziamenti servono in ogni caso. La Francia vorrebbe modificarne l’esito ma ha le mani legate perché i suoi rating sovrani a tripla A dipendono sostanzialmente dalla stretta alleanza con la Germania.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/V0SoJibit