Cercasi lavoro in Europa

BERLINO – Quando l’Unione Europea tenne il suo primo summit sulla crescita e il lavoro nel 1997, la disoccupazione dell’Ue si attestava all’11%. Lo scorso autunno, in occasione di un altro summit, non sono emersi molti cambiamenti. La disoccupazione nell’Eurozona era pari all’11,5% – in rialzo dal 6,8% registrato nel primo trimestre del 2008.

Se l’Unione Europea dovesse mantenere la sua promessa di pace e prosperità, dovrà ingegnarsi per creare posti di lavoro per molti dei suoi cittadini. La disoccupazione giovanile è un problema particolarmente serio, anche in Paesi che presentano una statistica di occupazione tutto sommato positiva; in Paesi le cui condizioni del mercato del lavoro sono le peggiori, la disoccupazione rappresenta una potenziale fonte di instabilità sociale e politica.

La partecipazione alla forza lavoro è legata non solo ai livelli di guadagno, ma anche all’autostima, all’inserimento nella società e allo status sociale. Restare fuori dal mercato del lavoro aumenta il rischio di povertà e di malattia, e più si prolunga il periodo di disoccupazione più sono dannosi gli effetti. I giovani disoccupati, man mano che vanno avanti, hanno sempre meno opportunità nella vita – e tale condizione rappresenta uno spreco di formazione e competenze che ha un effetto nocivo sulle economie nazionali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Tnh4BJg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.