La rivoluzione economica di Erdogan

ISTANBUL – Il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP), al governo in Turchia dal 2002, ha raccolto una serie di successi in termini economici. Il suo operato è alquanto singolare nella storia moderna della Turchia, paragonabile solo al governo del Partito democratico (DP), che salì al potere negli anni 50, quando la Turchia iniziava a sperimentare una democrazia parlamentare multipartitica, e guidò il paese per un decennio.

L’era governativa del DP riecheggia nella mente dei cittadini turchi come un periodo di crescita e libertà straordinarie. Con il mandato ricevuto nelle elezioni del 12 giugno 2011, e quasi 42 anni dopo che il DP fu deposto da una giunta militare, il partito AKP è emerso per stabilire nuovi parametri che possano favorire lo sviluppo della Turchia.

Diversamente dal leader del DP, Adnan Menderes, che fu brutalmente giustiziato a seguito di un fasullo processo militare, il capo dell’AKP, Recep Tayyip Erdogan, che si accinge ad iniziare il suo terzo mandato come Primo ministro, sembra aver allontanato il controllo politico democratico dall’esercito e dalla burocrazia turca. L’abilità di queste due istituzioni di influenzare i risultati delle elezioni sembra essere giunta al termine.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/jIQaX5l/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.