Paul Lachine

L’etichetta “mercati emergenti” ormai sta stretta

LONDRA – Sono passati nove anni da quando ho coniato l’acronimo “BRIC”, che è diventato sinonimo dell’ascesa di Brasile, Russia, India e Cina. Sono trascorsi oltre sette anni da quando io e miei colleghi di Goldman Sachs abbiamo dato alle stampe per la prima volta un report relativo alle prospettive economiche fino al 2050 in cui suggerivamo che i quattro BRIC sarebbero cresciuti più rapidamente rispetto ai paesi del G7 e, insieme agli Stati Uniti, avrebbero costituito le cinque principali economie del mondo.

Sono passati oltre cinque anni da quando è apparsa per la prima volta l’espressione “N-11” (Next 11, Prossimi 11), etichetta che raggruppava le undici economie con le maggiori prospettive di crescita per popolazione e che intendeva affermarsi accanto ai BRIC per il proprio potenziale.

Questi 15 paesi fanno oggi da traino alla ripresa economica mondiale. La Cina ha sorpassato il Giappone come seconda potenza economica del mondo, con una produzione che è quasi pari a quella degli altri tre paesi BRIC messi insieme. Il loro Pil complessivo si attesta attorno agli 11.000 miliardi, ossia all’incirca l’80% di quello americano.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/GAhP3Xx/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.