L’immigrazione distrae il Regno Unito

LONDRA – Gli elettori britannici odiano gli stranieri o solamente i parassiti? Questa è essenzialmente la domanda posta dal premier britannico David Cameron nel suo tanto atteso discorso sull’immigrazione da altri Paesi dell’Unione europea, rilasciato lo scorso mese presso la sede di JCB, azienda di macchine da cantiere.

La scommessa di Cameron è che agli elettori non dispiacciono i polacchi o i lituani che lavorano sulle macchine di JCB nei siti edili sparsi per il Regno Unito. Ciò che non gradiscono sono le persone che emigrano nel Regno Unito per approfittarsi dei sussidi sociali.

Il discorso rappresenta la risposta di Cameron alle recenti defezioni di due dei suoi membri del Partito conservatore passati al Partito per l’indipendenza del Regno Unito (UKIP) anti-UE e anti-immigrazione, che teme possa rubare elettori ai conservatori nelle elezioni generali di maggio. Ma per quanto sia stato brillante il suo discorso, è improbabile che riesca a sconfiggere l’UKIP – e intanto lascia che il dibattito britannico sull’adesione all’Ue resti focalizzato sul tema sbagliato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/CKfAfYB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.