L'eccezionalità del caso Grecia

BRUXELLES – La crisi dell'euro sembra essere perlopiù finita. Continua, infatti, la discesa generalizzata dei premi di rischio, mentre due paesi, Irlanda e Portogallo, hanno già completato i rispettivi programmi di aggiustamento e sono ora in grado di autofinanziarsi sul mercato e ridare impulso all'economia.


Al contrario, la Grecia sta ancora avendo difficoltà a raggiungere gli obiettivi del suo programma di aggiustamento ed è impegnata in interminabili trattative per l'ennesimo pacchetto di finanziamenti multilaterali. Il problema può essere sintetizzato in una parola: export (o, piuttosto, mancata crescita dell’export).


Le notizie provenienti dalla Grecia in questi giorni sono incentrate soprattutto sull'annuncio del raggiungimento dell'avanzo primario (saldo di bilancio meno servizio del debito) nel bilancio del 2013. Per la prima volta da decenni, il governo greco è stato in grado di ripagare le proprie spese con le proprie entrate.


To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/vveMIpn/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.