Come combattere la manipolazione monetaria

WASHINGTON, DC – È appropriato utilizzare gli accordi commerciali per scoraggiare i Paesi dal fare interventi su larga scala nel mercato dei cambi per mantenere basso il valore della propria divisa? Questa è la domanda del giorno nei circoli americani di politica economica.

Negli ultimi anni, il Giappone, la Corea del Sud e la Cina hanno manipolato le proprie monete per mantenerle sottovalutate. Questa manovra ha incentivato le loro esportazioni, limitato le importazioni e portato ad ampi surplus di parte corrente. Ma un intervento di questo genere incide negativamente sui partner commerciali ed è vietato in base alle esistenti norme internazionali. Sfortunatamente, queste regole si sono rivelate completamente inefficaci.

Ora è emersa una nuova opportunità per affrontare la questione: la Partnership Trans-Pacifica (TPP) – il trattato di libero scambio regionale che coinvolge Stati Uniti, Giappone e altri dieci Paesi dell’America Latina e dell’Asia. Con la TPP in procinto di essere finalizzata, la Corea del Sud e la Cina osservano attentamente, mentre altri Paesi vorrebbero unirsi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/v0MOdHd/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.