Santiago Armas/ZumaPress

La leadership americana in un mondo multipolare

LONDRA – Lasciare la ribalta non è mai facile. Gli Stati Uniti, come molte celebrità sulla via del tramonto, fatica a dividere la scena mondiale con altri paesi, e soprattutto con la Cina. Gli incontri, nei prossimi giorni, del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale - due istituzioni dominate dagli Stati Uniti e dai loro alleati europei - offrono l’occasione per mutare tattica e approccio.

Ma perché questo accada, gli Stati Uniti devono accettare il fatto che il mondo è cambiato. Negarlo non cambia le cose. Anzi, più a lungo gli Stati Uniti rimangono in uno stato di diniego, maggiore è il rischio di danneggiare gli interessi americani e l’influenza che l’America ancora esercita, seppure in misura limitata che in passato, sul resto del mondo.

Oggi il mondo non è  più organizzato, come ai tempi della guerra fredda, in due blocchi congelati in una posizione cautamente ostile. Ma non è neppure il mondo della Pax Americana che aveva dominato il decennio successivo alla caduta dell’Unione Sovietica quando gli Stati Uniti si imposero come la sola super potenza.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/erTQr9f/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.