La nuova leadership globale della Cina

NEW YORK – La più grande notizia economica dell’anno è arrivata quasi senza accorgercene: la Cina ha superato gli Stati Uniti come la più grande economia del mondo, secondo i dati del Fondo monetario internazionale. E mentre lo stato geopolitico della Cina è in rapida crescita, insieme al suo potere economico, gli Usa continuano a sprecare la propria leadership globale, a causa dell’incontrollata cupidigia delle élite politiche ed economiche e della trappola “self-made” di guerra perpetua nel Medio Oriente.

In base al Fmi, il Pil della Cina toccherà i 17,6 trilioni di dollari nel 2014, superando l’output americano di 17,4 trilioni di dollari. Ovviamente questo accade perché la popolazione cinese è oltre quattro volte quella americana, il suo Pil pro capite, 12.900 dollari, è tuttora meno di un quarto dei 54.700 dollari registrati negli Usa, che evidenziano standard di vita ben più elevati.

L’ascesa della Cina è momentanea, ma indica anche un ritorno. Dopo tutto, la Cina è il Paese più popolato del mondo da quando è diventato uno stato unificato oltre 2.000 anni fa, quindi ha senso che sia anche l’economia più grande del mondo. E, di fatto, i dati suggeriscono che la Cina fosse più grande (in termini di parità di potere di acquisto) di qualsiasi altra economia nel mondo fino al 1889, quando venne eclissata dagli Usa. Ora, 125 anni dopo, le classifiche si sono nuovamente invertite, a seguito di decenni di rapido sviluppo economico della Cina.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/WSNTSMl/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.