La sorpresa monetaria della Cina

NEW HAVEN – In politica economica, come in molti altri settori, i fatti contano più delle parole. Tagliando i tassi d'interesse ufficiali di riferimento, la Banca popolare cinese (PBOC) ha sottolineato l'obiettivo tattico della politica di stabilizzazione del governo, che punta a un target minimo di crescita del Pil pari al 7% circa.

Il raggiungimento di questo obiettivo non sarà cosa da poco. L'economia cinese, infatti, è esposta a venti strutturali contrari derivanti dal passaggio a un nuovo modello di crescita orientato ai servizi e ai consumatori, nonché a una pressione ciclica, dal momento che un contesto globale difficile esercita una pressione al ribasso sul vecchio modello basato sulle esportazioni e sugli investimenti.

Le sfide cicliche, in particolare, si stanno rivelando più ardue del previsto. Pur essendo diminuite notevolmente rispetto al picco pre-crisi del 35% del Pil, le esportazioni continuano ad attestarsi al 24%; questo rende la Cina vulnerabile al ciclo di crescita globale, in particolare per quanto riguarda i mercati del mondo sviluppato, dove la domanda è eccezionalmente debole.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/K8N7Y1W/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.