13

Funzionerà la Banca Cinese delle Infrastrutture?

CAMBRIDGE – Con la Cina che si è messa alla guida di una nuova istituzione finanziaria internazionale da 50 miliardi di dollari, l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), il dibattito prevalente si è incentrato sugli inutili sforzi degli Stati Uniti volti a scoraggiare l’adesione di altre economie avanzate. Troppo poca attenzione è stata dedicata a comprendere le motivazioni per cui i prestiti multilaterali di sviluppo sono spesso falliti, e alle modalità di intervento per un loro migliore funzionamento.

Le istituzioni multilaterali di sviluppo hanno probabilmente conseguito i loro successi più consistenti nello svolgere la funzione di banche di “conoscenza”, facilitando la condivisione di esperienze, buone pratiche e conoscenze tecniche tra le regioni. Al contrario, i loro più grandi fallimenti sono venuti dal finanziamento di progetti grandiosi che beneficiano le élite correnti, ma non considerano con l’equilibrio adeguato le priorità ambientali, sociali e di sviluppo.

La costruzione di dighe è un esempio storico significativo. In generale, si tende a sopravvalutare i benefici economici dei grandi progetti di infrastrutture nei paesi colpiti da malgoverno e corruzione, e a sottovalutare i costi sociali di lungo periodo generati dall’obbligo del rimborso dei prestiti, che si materializzino o meno i ricavi promessi. Ovviamente, l’AIIB corre questo rischio.

Detto questo, in tutta l’Asia in via di sviluppo vi è un fabbisogno enorme di infrastrutture, ed è giunto il momento per la Cina di svolgere un ruolo più rilevante all’interno degli istituti di credito internazionali. Inoltre, l’argomento ufficiale degli Stati Uniti – che la Cina dovrebbe investire il proprio denaro nelle istituzioni esistenti, come ad esempio la Banca Mondiale e la Banca Asiatica di Sviluppo, perché è probabile che una banca a guida cinese possa avere problemi di governance – sembra alquanto ipocrita. Buona governance? Gli Stati Uniti sono pronti a cedere la loro storica prerogativa nella scelta del presidente della Banca Mondiale?