Disciplinare la Sharing Economy

SINGAPORE – La capacità sempre maggiore delle persone di scambiarsi direttamente beni, servizi e lavoro, tramite piattaforme online, sta trasformando le modalità di funzionamento delle economie moderne. Ma al fine di garantire che l’incremento della “economia della condivisione” possa funzionare in modo efficiente e migliorare le condizioni di tutte le parti coinvolte, è necessaria una certa regolamentazione.

Oggi, le persone possono aggirare le molte imprese di servizi tradizionali. Possono condividere i trasporti, utilizzando Uber, Lyft, o RelayRides; fornire un alloggio tramite Airbnb; offrire faccende domestiche via TaskRabbit, Fiverr, o Mechanical Turk; e organizzare le proprie consegne di generi alimentari con Favor e Instacart. Allo stesso modo, piattaforme di raccolta fondi, come Kickstarter e Lending Club, consentono alle start-up di raccogliere sovvenzioni, prestiti o investimenti tra la popolazione in generale, piuttosto che affidarsi a un intermediario finanziario.

Tagliando fuori l’intermediario, queste piattaforme online responsabilizzano gli individui, riducono i costi di transazione, e creano un’economia più inclusiva. Ma la loro evoluzione è tutt’altro che semplice, e molti servizi di questo tipo richiederanno un’attenta regolamentazione per essere in grado di espandersi - come dimostrano in Europa le proteste e le sentenze dei tribunali contro Uber.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ktLGxuB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.