La trappola dell’inflazione in Asia

NEW HAVEN – L’Asia ha un problema di inflazione. Prima lo affronta, meglio è. Sfortunatamente, non ha ancora ben compreso quanto ciò sia urgente.

La volontà di fronteggiare l’inflazione è contrastata dalla forte dipendenza dell’Asia dall’export e dalla domanda esterna. Spaventati per una possibile ricaduta della domanda di mercato in un mondo post-crisi ancora vacillante, i policymaker asiatici non sono ancora pronti a sostenere esplicitamente la stabilità dei prezzi. Tutto ciò deve cambiare, prima che sia troppo tardi.

Eccetto il Giappone, che resta impantanato in una deflazione apparentemente cronica, l’inflazione asiatica è salita al 5,3% nei 12 mesi precedenti novembre 2010, rispetto al 3,5% del 2009. Nei due giganti della regione i trend sono particolarmente preoccupanti, con un’inflazione che in Cina ha superato la soglia del 5% e in India l’8%. L’aumento dei prezzi è allarmante in Indonesia (7%), a Singapore (3,8%), in Corea (3,5%) e in Thailandia (3%).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/I5vY3iH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.