Pace a rischio in Sudan

STANFORD – Dunque, alla fine l’America è intervenuta. Il Presidente Barack Obama ha inviato il Senatore John Kerry in Sudan con una proposta di pace per il nord e il sud del paese. Questo è un passo da gigante per evitare quegli spargimenti di sangue che hanno portato all’uccisione di oltre due milioni di persone nella guerra civile tra il nord e il sud del Sudan, durata 20 anni e conclusasi solo nel 2005, e che ora rischia di riesplodere.

Negli ultimi mesi Obama ha rafforzato il proprio coinvolgimento e l’impegno di alti funzionari della sua amministrazione a sostegno di una strategia di pace per il Sudan. Per conto del Presidente, Kerry ha presentato un pacchetto di proposte destinato a interrompere l’empasse che ha portato il nord e il sud a un pericoloso bivio.

Abbiamo scritto un memorandum che esemplifica alcuni elementi essenziali relativi a un possibile processo di pace in Sudan. Per conoscere i dettagli e le eventuali azioni da intraprendere a sostegno di tale causa, consultare il sito www.sudanactionnow.org.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/9bC3TXv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.