La lotta di classe della politica americana

NEW YORK – L’America è in rotta di collisione con sé stessa. L’accordo di questo mese tra il Presidente Barack Obama ed i repubblicani del Congresso finalizzato all’estensione dei tagli alle tasse, iniziati un decennio fa’ dal Presidente George W. Bush, è stato accolto come l’inizio di un nuovo consenso bipartisan. A mio avviso, si tratta, in realtà, di una falsa tregua che si trasformerà in una battaglia dai toni aspri per la contesa dello spirito della politica americana.

Come in molti paesi, i contrasti sulla moralità pubblica e la strategia nazionale si riducono sempre a questioni di denaro. Negli Stati Uniti è ancor più vero. L’America ha registrato un deficit annuale di circa 1 triliardo di dollari che potrebbe addirittura aumentare a seguito del nuovo accordo sulle tasse. Questo livello di prestito annuale è fin troppo elevato per poter assicurare una situazione di benessere e deve assolutamente essere ridotto. Ma come?

Il problema è dato dalla corruzione della politica americana e dalla perdita di moralità civica. Da un lato troviamo un partito, i repubblicani, che ha pochi argomenti, per non dire nessun’argomento, se non i tagli alle tasse ai quali dà estrema priorità. Dall’altro ci sono i democratici con un gamma più ampia di idee come il sostegno alla sanità, all’educazione, alla formazione ed alle infrastrutture. Ma proprio come i repubblicani, anche i democratici hanno interesse a ridurre le tasse a favore dei principali contribuenti della loro campagna, ovvero, fondamentalmente, a favore degli americani ricchi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/zD8LMKh/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.