Keynesiani d'Europa allo sbando

CAMBRIDGE – Non esiste una bacchetta magica keynesiana in grado di alleviare le sofferenze dell'eurozona. Pur così, non sorprende l'odierno dibattito, estremamente confusionario, sul fatto che un'eccessiva austerità stia uccidendo l'Europa. I commentatori, risucchiati dalla politica, si scagliano contro qualunque bersaglio disponibile, mentre le masse "anti-austerità" sembrano credere che esistano davvero soluzioni semplici per problemi strutturali complessi.

Da tempo sostengo che le difficoltà dell'eurozona derivano dal fatto che l'integrazione finanziaria e monetaria europea è andata troppo avanti rispetto all'unione politica, fiscale e bancaria. E questo non è certo un problema con cui Keynes abbia mai avuto a che fare né tanto meno abbia mai cercato di risolvere.

Innanzitutto, qualunque strategia realistica per affrontare la crisi dell'eurozona deve prevedere una massiccia svalutazione (condono) del debito dei Paesi periferici. La combinazione - ormai quasi inscindibile - di un elevato debito statale e bancario in questi Paesi rende l'obiettivo di una crescita rapida e sostenuta un semplice miraggio.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/R4Rtrga/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.