2

Oro a quota 10,000?

SAN FRANCISCO – Non è mai stato facile avere una conversazione razionale sul valore dell’oro. Ultimamente poi, con il prezzo dell’oro cresciuto di più del 300% nel corso dell’ultimo decennio, è più difficile che mai. Lo scorso dicembre, gli economisti Martin Feldstein e Nouriel Roubini hanno entrambi scritto degli editoriali nei quali mettevano coraggiosamente in dubbio l’esuberanza del mercato, evidenziando con intelligenza i rischi legati all’oro.

Ma indovinate un po'? Da quando i loro articoli sono apparsi, il prezzo dell’oro è aumentato ulteriormente, arrivando recentemente a toccare il valore record di 1.300 dollari. Lo scorso dicembre, molti fanatici dell’oro sostenevano che il suo prezzo era inevitabilmente destinato a raggiungere i 2000 dollari. Adesso, rinfrancati dalla sua continua ascesa, alcuni arrivano a suggerire che il valore dell’oro potrebbe arrivare ancora più in alto.

Un investitore di successo che ha puntato sull’oro mi ha recentemente spiegato che anche i valori azionari sono rimasti pressoché stazionari per più di un decennio, finché l’indice Dow Jones non ha varcato la soglia dei 1.000 punti agli inizi degli anni ’80. A quel punto, l’indice è schizzato fino ad oltrepassare i 10.000 punti. Ora che l’oro ha attraversato la fatidica barriera dei 1.000 dollari, perché non dovrebbe poter decuplicare anch’esso?

Tutto sommato, per visualizzare un prezzo dell’oro molto più alto di quello attuale non si deve fare un grande sforzo d’immaginazione. Aggiustando i valori per l’inflazione, il prezzo oggi non è neanche lontanamente paragonabile al suo massimo storico, raggiunto nel gennaio 1980. A quel tempo l’oro raggiunse gli 850 dollari, cioè più di 2.000 dollari di oggi. Ma quello del gennaio del 1980 fu certamente un picco anomalo, legato ad un periodo di alta instabilità geopolitica. A 1.300 dollari, il prezzo attuale dell'oro è probabilmente più del doppio di quello che dovrebbe essere il suo valore medio, a lungo termine, aggiustato per l’inflazione. Allora cosa potrebbe giustificare, a questo punto, un’ulteriore ascesa nel prezzo dell’oro?