Dean Rohrer

L’importanza della migrazione

OXFORD – In quasi tutti i paesi ricchi il sentimento anti-immigrati è al culmine. Tale fervore è però un male a cui bisogna opporsi se queste società vogliono continuare a prosperare e se i paesi in via di sviluppo vogliono combattere la povertà e sostenere la crescita economica.

Un alto tasso di migrazione globale è auspicabile per quattro ragioni: è fonte di innovazione e dinamismo; risponde alle carenze di manodopera; soddisfa le sfide derivanti dal rapido incremento della popolazione anziana; fornisce una via di fuga dalla povertà e dalla persecuzione. Limitare la migrazione rallenterebbe invece la crescita economica e indebolirebbe la competitività a lungo termine delle società, oltre a creare un mondo meno prospero, più iniquo e frammentato.

Ovviamente, in caso di elevati tassi di migrazione sussistono costi locali nel breve periodo a cui bisogna far fronte se le società intendono godere di benefici più ampi nel lungo periodo. Tutto sommato, malgrado l’opposizione interna ai paesi riceventi, il numero di migranti internazionali è raddoppiato negli ultimi 25 anni, e raddoppierà ulteriormente entro il 2030. I rapidi cambiamenti economici e politici – e in modo crescente i cambiamenti ambientali – smuovono le persone, incoraggiandole a cercare nuove opportunità e sicurezza altrove.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/2JOdN5T/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.