Monday, July 28, 2014
Exit from comment view mode. Click to hide this space
0

Addio alle armi nucleari

MOSCA – Venticinque anni fa, questo stesso mese, sedevo di fronte a Ronald Reagan a Reykjavik, capitale dell’Islanda, per negoziare un accordo che avrebbe dovuto ridurre, ed eliminare entro il 2000, gli spaventosi arsenali di armi nucleari in possesso di Stati Uniti e Unione Sovietica.

Nonostante le nostre differenze, sia io che Reagan eravamo convinti che i paesi civilizzati non dovessero considerare queste armi barbariche il fulcro della loro sicurezza. Anche se non riuscimmo a concretizzare le nostre più alte aspirazioni a Reykjavik, il vertice fu comunque, come sottolineò il mio ex omologo, “un importante punto di svolta nella ricerca di un mondo più sicuro”.

I prossimi anni potrebbero, quasi con certezza, stabilire se il nostro sogno comune di liberare il mondo dalle armi nucleari potrà essere realizzato.

I critici vedono un eventuale disarmo nucleare nel migliore dei casi come qualcosa di irrealistico, e, nel peggiore dei casi, come un’utopia pericolosa. Fanno riferimento al “lungo periodo di pace” della Guerra Fredda come ad una prova efficace del fatto che la forza deterrente del nucleare sia l’unico mezzo per prevenire un grave conflitto.

Da ex comandate di queste armi esprimo il mio dissenso rispetto a queste affermazioni. In qualità di deterrente il nucleare è sempre stato un garante duro e fragile della pace. Non riuscendo a presentare un piano convincente per il disarmo nucleare, gli USA, la Russia e le rimanenti potenze nucleari stanno promuovendo, a causa della loro inazione, un futuro in cui le armi nucleari verranno inevitabilmente utilizzate. Una simile catastrofe deve essere prevenuta.

Come ho sottolineato cinque anni fa, assieme a George P. Shultz, William J. Perry, Henry A. Kissinger, Sam Nunn e molti altri, la deterrenza del nucleare diventa meno affidabile e più rischiosa con l’aumento dei paesi in possesso di tali armi. Escludendo la guerra preventiva (che si è dimostrata controproducente) o l’applicazione di sanzioni efficaci (che si sono comunque rivelate insufficienti), solo dei passi reali verso il disarmo nucleare potrebbero assicurare la sicurezza reciproca necessaria per arrivare a seri compromessi sulle questioni legati al controllo e alla non proliferazione delle armi.

La fiducia e la comprensione raggiunta a Reykjavik ha aperto la strada a due trattati storici. Il trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces) del 1987 che stabilì la distruzione delle testate nucleari che al tempo minacciavano la pace in Europa. Ed il trattato START I (Strategic Arms Reduction Treaty) del 1991 volto a ridurre dell’80% gli arsenali nucleari statunitensi e sovietici nel giro di dieci anni.

Ma le prospettive del progresso sul controllo e la non proliferazione delle armi stanno sbiadendo in assenza di una spinta credibile per il disarmo nucleare. In quei due lunghi giorni a Reykjavik ho imparato che le trattative sul disarmo possono essere costruttive tanto quanto ardue. Legando assieme una gamma di questioni correlate, io e Reagan abbiamo creato la fiducia e la comprensione necessaria per moderare una corsa alle armi nucleari sulla quale avevamo perso il controllo.

A posteriori, la fine della Guerra Fredda ha presagito l’arrivo di un piano ancor più ingarbugliato di potere globale e persuasione. Le potenze nucleari dovrebbero infatti aderire ai requisiti del Trattato di Non Proliferazione del 1968 e dovrebbero riprendere in “buona fede” le negoziazioni sul disarmo. Ciò dovrebbe intensificare il capitale diplomatico e morale a disposizione dei diplomatici nel tentativo di contenere la proliferazione del nucleare in un mondo in cui, mai come ora, sono molti i paesi ad avere i mezzi finanziari per costruire una bomba nucleare.

Solo un piano serio di disarmo nucleare universale può dare la rassicurazione e la credibilità necessaria per creare un consenso globale sulla fine della dottrina del nucleare quale deterrente. Non possiamo più permetterci, sia in termini politici che finanziari, la natura discriminatoria dell’attuale sistema fatto di detentori e non detentori del nucleare.

Il vertice di Reykjavik ha confermato che il coraggio viene ricompensato. Le condizioni iniziali per un accordo sul disarmo nel 1986 erano tutt’altro che favorevoli. Prima di diventare leader dell’Unione Sovietica nel 1985, le relazioni tra la superpotenze della Guerra Fredda avevano toccato il fondo. Ciò nonostante, io e Reagan siamo riusciti a creare una riserva di spirito costruttivo grazie alla nostra apertura costante e ad un’interazione faccia a faccia.

Ciò che sembra mancare oggi sono dei leader con coraggio e con una visione in grado di ristabilire la fiducia necessaria per reintrodurre il disarmo nucleare quale colonna portante di un ordine globale di pace. Le limitazioni economiche ed il disastro di Chernobyl ci hanno spinto ad agire. Perché quindi la grande recessione ed il disastro di Fukushima Daiichi in Giappone non hanno portato ad una risposta simile nel contesto attuale?

Il primo passo dovrebbe essere la ratifica da parte degli USA del trattato di bando complessivo dei test nucleari (Comprehensive Test Ban Treaty-CTBT) del 1996. Il Presidente Barack Obama ha sostenuto questo trattato definendolo come uno strumento vitale per scoraggiare la proliferazione e prevenire una guerra nucleare. E’ tempo che Obama tenga fede agli impegni presi a Praga nel 2009, che prenda in prestito l’arte oratoria di Reagan e persuada il Senato degli Stati Uniti a formalizzare l’adesione dell’America al CTBT.

Un simile passo obbligherebbe anche gli ultimi paesi resistenti (Cina, Egitto, Indonesia, Iran, Israele, Corea del Nord e Pakistan) a riconsiderare il CTBT spingendo tutti verso un divieto globale sui test nucleari in qualsiasi ambiente (atmosfera, ambiente sottomarino, spazio o sottoterra).

Un secondo passo necessario è che Russia e Stati Uniti portino avanti l’accordo New START ed inizino a ridurre in modo più consistente gli arsenali, in particolar modo delle armi tattiche e di riserva che non hanno alcuno scopo se non quello di sprecare i fondi e di minacciare la sicurezza. In questo contesto ci si dovrebbe anche occupare dei limiti da porre ai missili per la difesa, una delle questioni principali che minarono il vertice di Reykjavik.

Un trattato che proibisca la produzione di materiale fissile per le armi nucleari (FMCT), fermo da diverso tempo nelle trattative multilaterali di Ginevra, ed un secondo Vertice sulla Sicurezza Nucleare il prossimo anno a Seoul aiuteranno a mettere in sicurezza i materiali nucleari pericolosi. Il vertice dovrà inoltre stabilire che la Partnership Globale del 2002 mirata a mettere in sicurezza ed eliminare tutte le armi di distruzione di massa (nucleari, chimiche e biologiche) venga rinnovata ed ampliata nel corso del suo prossimo incontro programmato per il prossimo anno negli Stati Uniti.

Il nostro mondo rimane comunque troppo militarizzato. Nell’attuale clima economico, le armi nucleari sono diventate un ripugnante pozzo di soldi. Se, come sembra probabile, le difficoltà economiche dovessero continuare, gli USA, la Russia ed altre potenze nucleari dovrebbero cogliere l’attimo per lanciare una riduzione delle armi multilaterali tramite canali nuovi o già esistenti, come la Conferenza ONU sul disarmo. Queste considerazioni garantirebbero maggior sicurezza per un dispendio minore di denaro.

Ma si deve affrontare anche l’aumento delle forze militari convenzionali, determinato per gran parte dalla vasta potenza militare spiegata dagli USA a livello globale. Mentre ci impegniamo a portare avanti il trattato sulle forze convenzionali in Europa (CFE), dovremmo seriamente considerare di ridurre il peso delle forze e dei budget militari a livello globale.

Una volta il Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy affermò che “ogni uomo, donna e ragazzo vive sotto una spada di Damocle nucleare sospesa al più tenue dei fili che può essere reciso da un momento all'altro.” Per più di cinquant’anni l’umanità ha osservato con cautela quel pendolo letale, mentre i leader di stato discutevano su come riparare le sue fragili corde. L’esempio di Reykjavik dovrebbe ricordarci che le misure palliative non funzionano. I nostri sforzi di 25 anni fa potranno essere giustificati solo quando la Bomba finirà vicino alle manette dei commercianti di schiavi e l’iprite della Grande Guerra nel museo della violenza del passato.

Exit from comment view mode. Click to hide this space
Hide Comments Hide Comments Read Comments (0)

Please login or register to post a comment

Featured