Getty Images

The Year Ahead 2018

Xi senza freni?

AIX-EN-PROVENCE – La Cina ha nuovamente ribaltato le previsioni. Ci si aspettava infatti che il Presidente Xi Jinping, capo del Partito comunista cinese, dovesse affrontare il suo test più difficile ad ottobre, durante la riunione del PCC al suo diciannovesimo Congresso Nazionale per scegliere il prossimo presidente. Anche se Xi aveva già la garanzia di un secondo mandato di cinque anni, si pensava ci sarebbe stata una forte opposizione qualora non avesse nominato un successore. Ma lui non l’ha fatto e l’opposizione non c’è stata.

La ragione è semplice. Xi si era preparato bene. Sin dall’inizio del suo incarico, nel 2012, ha sempre portato avanti una politica di oppressione sulla società civile rilasciando un’ondata di repressione che pochi pensavano possibile nella Cina post-Mao. Ha anche sostenuto un’ampia campagna anti corruzione che ha messo in difficoltà e persino eliminato dei rivali politici potenti consolidando in tal modo il suo potere in tempi rapidi.

All’inizio di quest’anno, quando gli agenti di sicurezza cinesi hanno rapito Xiao Jianhua, un miliardario di Hong Kong, affinché potesse eventualmente testimoniare contro i leader senior, qualsiasi resistenza alle spinte di Xi verso una maggiore autorità è stata eliminata. Tuttavia, per rafforzare ulteriormente la sua posizione, nel periodo precedente al Congresso, un membro del politburo visto come possibile successore è stato improvvisamente arrestato a luglio con l’accusa di corruzione.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/mp1lMXh/it;
  1. Donald Trump delivers his address to a joint session of Congress  Bill Clark/CQ Roll Call/Getty Images

    Trump’s Abominable Snow Job

    • In the 2016 US presidential election, Donald Trump presented himself as a populist who would protect America’s “forgotten” workers from the disruptions of trade and immigration and the nefarious designs of unnamed elites.

    • But, a year after assuming office, it has become abundantly clear that “America first” means workers come last.
  2. Project Syndicate

    PS Commentators’ Best Reads in 2017

    • For the first time, Project Syndicate has asked its contributors what they’ve been reading, and why. 

    • Their choices may surprise, but surely will not disappoint, readers seeking the most important books on history, politics, economics, as well as more than one novel.