op_garten1_PhotoQuestGetty Images_nixoncampdavid PhotoQuest/Getty Images

Long Reads

Quando l'America ricreò l'economia mondiale

NEW HAVEN – Alle 14:29 di venerdì 13 agosto 1971, il presidente degli Stati Uniti Richard M. Nixon uscì dalla Casa Bianca, salì a bordo del Marine One e si recò a Camp David, dove lo stavano aspettando diversi membri della sua amministrazione. Il suo capo di stato maggiore, H.R. Haldeman, aveva organizzato l’incontro appena un giorno prima e aveva dato istruzioni a tutti di non riferire a nessuno, nemmeno alle famiglie, dove stessero andando. All’arrivo a Camp David è stato loro ordinato di non telefonare a nessuno al di fuori delle persone presenti all’incontro.

Tuttavia, il giorno precedente, uno dei migliori consiglieri di Nixon aveva prefigurato l’importanza del raduno, suggerendo che quel weekend avrebbe portato al “più grande passo avanti nella politica economica dalla fine della Seconda guerra mondiale”. Allo stesso modo, un altro consigliere parlando con un giornalista si lasciò sfuggire che “Questo potrebbe essere il fine settimana più importante nella storia dell’economia da sabato 6 marzo 1933”, il giorno in cui Franklin D. Roosevelt chiuse tutte le banche americane.

Non stavano esagerando. Tra venerdì pomeriggio e domenica sera, Nixon e sei alti funzionari (supportati da nove membri senior dello staff) presero una serie di decisioni importanti che il presidente avrebbe poi annunciato in un discorso televisivo in prima serata organizzato in fretta e furia. Quarantasei milioni di americani, un quarto della popolazione, si sintonizzarono, mentre ministri delle finanze, banchieri centrali e market maker da Londra a Tokyo si accalcavano intorno alle loro radio.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/ttELGf8it