Donald Trump and Sarah Palin Andrew Dallos/Flickr

The Year Ahead 2016

E’ tornato il fascismo?

NEW YORK – Nel 2015 la parola “fascismo” è stata l’epiteto più utilizzato a livello politico. Ovviamente, la tentazione di affibbiare l’attributo “fascista” è quasi irresistibile quando ci troviamo di fronte ad un linguaggio e ad un comportamento che rispecchiano apparentemente quello di Hitler e di Mussolini. Al momento, il termine “fascista” è per la maggior parte utilizzato per i casi più disparati come Donald Trump, il Tea Party, il Fronte Nazionale francese e gli assassini dell’Islam radicale. Ma anche se la tentazione di definire queste figure “fasciste” è comprensibile, bisognerebbe evitare di farlo.

Quando il fascismo si instaurò negli anni ’20 (prima in Italia e poi in Germania) fu per una reazione violenta alla percezione di un individualismo eccessivo. Sia Mussolini che Hitler sostenevano che l’umiliazione dell’Italia e la sconfitta della Germania durante la Prima Guerra Mondiale fossero dipese dal fatto che la democrazia e l’individualismo avevano indebolito l’unità e la volontà nazionale.

Di conseguenza i due leader spinsero i loro seguaci ad indossare le uniformi e tentarono di governare il loro pensiero e le loro azioni. Una volta al potere cercarono di estendere la dittatura ad ogni ambito della vita dei cittadini. Anche lo sport sotto Mussolini venne infatti gestito e supervisionato dall’agenzia statale denominata il Dopolavoro.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/crzGXTL/it;
  1. Trump visits China Thomas Peter-Pool/Getty Images

    China’s New World Order?

    • Now that Chinese President Xi Jinping has solidified his position as China’s most powerful leader since Mao Zedong, he will be able to pursue his vision of a China-led international order.

    • But if China wants to enjoy the benefits of regional or even global hegemony in the twenty-first century, it will have to prove itself ready to accept the responsibilities of leadership.
  2. Paul Manafort Alex Wong/Getty Images

    The Fall of the President’s Men

    • There can no longer be any doubt that Donald Trump is the ultimate target of Special Counsel Robert Mueller’s sweeping investigation of alleged Russian interference in the 2016 presidential election. 

    • But even if Mueller doesn’t catch Donald Trump in a crime, the president will leave much human and political wreckage behind.
  3. Painted portraits of Chinese President Xi Jinping and late communist leader Mao Zedong Greg Baker/Getty Images

    When China Leads

    For the last 40 years, China has implemented a national strategy that, despite its many twists and turns, has produced the economic and political juggernaut we see today. It would be reckless to assume, as many still do in the US, Europe, and elsewhere, that China’s transition to global preeminence will somehow simply implode, under the weight of the political and economic contradictions they believe to be inherent to the Chinese model.