Fighter in Afghanistan Fighter in Afghanistan/Pixabay

The Year Ahead 2016

Come vincere la guerra sul terrore

LIMA –Sono passati 14 anni da quando il presidente George W. Bush ha dichiarato una "guerra globale al terrorismo". Oggi, dopo aver speso 1,600 miliardi di dollari in quella guerra e aver ucciso 101 capi terroristici, da Osama bin Laden a "Jihadi John",  l'Occidente rimane altrettanto vulnerabile, se non di più, per gli estremisti che possono reclutare combattenti e colpire qualunque capitale occidentale praticamente quando vogliono. Ora che un altro presidente - François Hollande - ha dichiarato guerra al terrore (come hanno fatto altri leader europei), le prospettive di vincere sono davvero migliorate? Ho i miei dubbi.

È tempo di prendere in considerazione che la forza dei nostri avversari deriva, almeno in una certa misura, da sentimenti simili a quelli che hanno animato la guerra di indipendenza americana e la Rivoluzione francese: la frustrazione e l’alienazione dal sistema dominante. Nelle colonie americane della Gran Bretagna prima del 1776, e in tutta la Francia negli anni fino al 1789, la gente comune si è convinta che la sua vita, le attività, e le imprese erano state per troppo tempo in preda a governi arbitrari. Quello stesso senso di straniamento si avverte oggi in Medio Oriente e in Nord Africa.

Dopo tutto, la primavera araba è iniziata quando un imprenditore tunisino povero, Mohamed Bouazizi, si è dato fuoco nel dicembre 2010 per protestare contro l'esproprio crudele della sua attività. Si è suicidato - come mi ha detto suo fratello Salem in un'intervista registrata per la televisione pubblica americana - per "il diritto dei poveri di comprare e vendere".

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/kciPVVS/it;
  1. Adam Michnik Gallo Images/Getty Images

    Europe’s New Eastern Question

    • The European Union has been shaken by Brexit, Donald Trump’s election in the United States, and now political uncertainty in Germany. 

    • But the future of the EU is also being written in Poland, Hungary, Ukraine, and Russia, with profound implications for democratic institutions and regional security.



    • Trump visits China Thomas Peter-Pool/Getty Images

      China’s New World Order?

      • Now that Chinese President Xi Jinping has solidified his position as China’s most powerful leader since Mao Zedong, he will be able to pursue his vision of a China-led international order.

      • But if China wants to enjoy the benefits of regional or even global hegemony in the twenty-first century, it will have to prove itself ready to accept the responsibilities of leadership.
    • Paul Manafort Alex Wong/Getty Images

      The Fall of the President’s Men

      • There can no longer be any doubt that Donald Trump is the ultimate target of Special Counsel Robert Mueller’s sweeping investigation of alleged Russian interference in the 2016 presidential election. 

      • But even if Mueller doesn’t catch Donald Trump in a crime, the president will leave much human and political wreckage behind.