Getty Images

The Year Ahead 2018

La ripresa rischiosa dell’economia globale

NEW YORK – Un anno fa ho predetto che l’aspetto più rilevante del 2017 sarebbe stata l’incertezza, alimentata, tra le altre cose, dall’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti e dal voto del Regno Unito di lasciare l’Unione europea. Sembrava che l’unica certezza fosse l’incertezza – e che il futuro potesse diventare un luogo davvero confusionario.

Come poi si è verificato, anche se il 2017 non è stato un anno particolarmente positivo, è stato di gran lunga migliore di quello che molti temevano. Trump si è dimostrato arrogante e imprevedibile come previsto. Chiunque prestasse attenzione solo ai suoi tweet incessanti avrebbe potuto pensare che gli Usa erano in bilico tra una guerra commerciale e una guerra nucleare. Trump sarebbe capace di insultare la Svezia un giorno, l’Australia il giorno dopo e poi l’Unione europea – e poi supportare i neo-nazisti nel suo paese. E i membri del suo governo plutocratico competono l’uno con l’altro in termini di conflitto di interessi, incompetenza e assoluta cattiveria.

Finora, tuttavia, nonostante il preoccupante smantellamento di alcune leggi, soprattutto quelle relative alla protezione ambientale, la combinazione di istituzioni americane e incompetenza dell’amministrazione Trump ha significato che esiste (fortunatamente) un ampio divario tra la retorica negativa del presidente e ciò che ha realmente realizzato.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/heduYsu/it;

Handpicked to read next